Archive for febbraio 2016

Le avventure del Carro Armato Bum

carroarmato1

Il giocattolo con l’Anima…

Bum era un Carro Armato particolare, lui non amava la guerra ma le battaglie. Le sue lotte erano in difesa dei più piccoli e degli indifesi. Non voleva conquistare terre o popoli, ma vincere sfide.

Aveva imparato che la vittoria più grande era superare le proprie insicurezze e aiutare gli altri a sconfiggere le loro.

Un giorno Bum era nella vetrina di un negozio e guardava la strada. Le auto che transitavano, le persone che passavano. Cominciò a riflettere fra sé, iniziò a pensare a come poter essere utile agli altri.

La sua forza la voleva dedicare per fini umanitari, per rafforzare l’animo umano e rendere le sfide della vita più piacevoli.

Superare i limiti che l’uomo pone a se stesso era un obbiettivo davvero importante, e il Carro Armato Bum ne aveva fatto uno stile di vita.

Ma come poter trasmettere questo messaggio ai bambini per renderli più forti e audaci?

Non aveva ahimè il dono della parola, ma l’energia in lui contenuta poteva infondere coraggio e determinazione in chiunque gli stesse vicino.

Di lì a poco i suoi pensieri furono interrotti da un uomo, che attratto dalla cura con cui era stato realizzato quel giocattolo in vetrina, si fermò ad osservare. Le rifiniture e la maestria con cui era stato realizzato lo colpì molto, era da tempo che non vedeva più giocattoli in legno così curati.

“Bellissimo questo Carro Armato!” Pensò l’uomo, potrei regalarlo al mio nipotino. E così fu, entrò nel negozio e acquistò subito il giocattolo, anche la scatola gli piaceva, era semplice in cartone naturale e vedendo l’etichetta attaccata sorrise.

“Pensa un po’ che nome curioso è stato dato a questo giocattolo, “Bum” davvero appropriato”,

commentò l’uomo con il negoziante.

Il Carro Armato dal canto suo era contento, usciva dalla vetrina ed entrava a far parte del mondo, poteva incominciare la sua missione!

Portare coraggio e sconfiggere i nemici, non quelli esterni ma quelli che abbiamo dentro di noi, quelli che limitano le nostre azioni e le nostre realizzazioni.

Lui voleva cominciare proprio dai bambini, per aiutarli a crescere più forti e più sicuri, così che avrebbero potuto creare nel loro domani un mondo migliore…

Laila Rosèla

Per informazioni: Tel 345-2118171 lailarosela888@gmail.com

Annunci